Il settore delle macchine automatiche costituisce una parte importante del settore dell’automazione ed è uno dei pilastri dell’economia italiana.

 

La progettazione e costruzione delle macchine deve rispondere necessariamente ai più severi requisiti di sicurezza, così come la loro installazione e manutenzione.

Grazie a tecnologie sempre più innovative, oggi è possibile realizzare sistemi di sicurezza più efficienti e con minore complessità.

 

Il capitolo sicurezza è diventato probabilmente la caratteristica centrale e fondamentale quando si parla di macchine e impianti, ma ancora di più nel mondo del lavoro in generale.

Proprio per questa motivazione, nel 2009 l’UE ha definito ufficialmente l’entrata in vigore la Direttiva Macchine 2006/42/CE, con la quale vengono stabiliti i Requisiti Essenziali di Sicurezza (RES) al fine di consentire la libera circolazione delle macchine all’interno del mercato europeo e salvaguardare la sicurezza e la tutela della salute degli utilizzatori.

La Direttiva ha sicuramente contribuito a migliorare il livello di sicurezza di macchine e attrezzature, anche se, gran parte del mercato è ancora composto da macchine “vecchie”.

 

Infatti, possiamo dividere oggi il mercato delle macchine automatiche, in tre macrocategorie:

  • Macchine “vecchie” (costruite prima del 1996);
  • Macchine “non più nuove” (costruite ai sensi della Direttiva 98/37/CE);
  • Macchine “nuove” (costruite ai sensi della normativa 2006/42/CE).

Revamping e Ammodernamento di un impianto

Per tale ragione, può capitare che quando un macchinario industriale sembra arrivato alla fine della sua vita produttiva, l’unica soluzione per continuare a far funzionare tutta la linea industriale sia quello di cambiare quel macchinario, in realtà il discorso è più ampio e contorto di così.

Esiste una soluzione chiamata Revamping, niente di meno che il rinnovamento di quelle parti meccaniche, elettriche, elettroniche e pneumatiche che negli anni tendono a diventare obsolete o usurate. Il tutto senza stravolgere il macchinario industriale.

 

L’inserimento di nuove linee, lo spostamento degli impianti produttivi e gli interventi di revamping comportano una serie di situazioni complesse che richiedono competenze multidisciplinari.

Il Datore di Lavoro, infatti, è tenuto a rispettare gli obblighi che sono previsti dal Dlgs 81/2008, ovvero “valutare tutti i rischi presenti nel posto di lavoro e all’esito redigere un documento contenente le misure di prevenzione attuate per eliminare o ridurre i rischi per la sicurezza e salute dei lavoratori”.

Dalla definizione dei contratti fino al collaudo finale si intrecciano soggetti e fornitori coinvolti nella gestione dei vari aspetti tecnici, burocratici, progettuali ed esecutivi.

 

Per questo motivo, AEPI, in collaborazione e sinergia con un partner certificato, ha scelto di adottare la miglior strategia possibile per garantire sicurezza e allo stesso tempo innovazione a chiunque debba rinnovare o mettere in sicurezza un qualsiasi tipo di impianto/macchinario industriale.

Questa strategia la possiamo riassumere in alcuni brevi passaggi:

  1. Analisi di fattibilità: sopralluogo, raccolta documenti e relativa analisi delle richieste del cliente;
  2. Analisi dei rischi: redazione dell’analisi dei rischi tramite tutte le informazioni raccolte e definizione delle Funzioni di Sicurezza da implementare (calcolo del relativo PLr);
  3. Piano di intervento: sopralluogo con operatori e responsabili per ottenere informazioni aggiuntive su macchine e impianti;
  4. Quotazione Economica: stesura dell’offerta economica personalizzata;
  5. Progettazione: realizzazione di un progetto completo definendo gli interventi meccanici, elettrici e pneumatici necessari al fine di soddisfare il PL richiesto;
  6. Produzione Quadro Elettrico: realizzazione e installazione;
  7. Progettazione Software: sviluppo del software per la gestione dei dispositivi di sicurezza;
  8. Attuazione degli interventi necessari: realizzazione delle modifiche meccaniche, elettriche e pneumatiche definite in fase di progettazione;
  9. Commissioning: verifiche e avviamenti;
  10. Documentazione e Certificazione: creazione dei documenti, verifica e rilascio delle conformità in linea con le direttive vigenti.

Questi sono gli step che AEPI ha scelto di adottare per garantire ai propri clienti innovazione e sicurezza in un sol colpo.

 

#proudtobeAEPI