Il quarto e penultimo passaggio da affrontare per realizzare una macchina automatica speciale è la realizzazione dei componenti meccanici ed il cablaggio dei componenti elettrici ed elettronici.

 

La realizzazione della parte meccanica è molto importante perché rappresenta l’ossatura del macchinario, serve per dare la forma e la dimensione all’impianto ed infatti è anche il passaggio che richiede più tempo quando si vuole fabbricare un prototipo partendo da zero.

 

Una volta che sono stati ultimati tutti i pezzi meccanici, vengono montati e assemblati tra di loro per dare la forma finita all’impianto mentre, in parallelo, si procede con la realizzazione della parte elettrica.

 

Partendo dallo schema precedentemente disegnato si va a realizzare il quadro elettrico, si carica il software e si collauda il suo funzionamento prima di essere collegato e installato sulla macchina.

 

Se vorremo fare una similitudine con il corpo umano allora potremo dire che la parte meccanica rappresenta lo “scheletro”, il quadro elettrico il “cervello” e il bordo macchina il “sistema nervoso”.

 

‍ Una volta che anche il quadro è collegato, si esegue il FAT (Factory Acceptance Test), ovvero il collaudo finale della macchina presso i propri stabilimenti, per verificare il corretto funzionamento o per riscontrare eventuali anomalie, prima di consegnarlo al cliente.

 

#proudtobeAEPI